Vivibilità e benessere secondo i canoni dell’abitare ibrido

L‘ambiente domestico come spazio inedito e specifico, vivamente contaminato da bisogni e  passioni di chi vi abita, un progetto ibrido che configura una nuova estetica pratica ed essenziale orientata verso lo sport e lontana da formalità e rigore.


© Toshiyuki Yano
 Linee razionali e pulite disegnano  le volumetrie semplici dell’architettura giapponese firmata dallo studio Koizumi Sekkei. Il minimalismo tradizionale adotta caratteri nuovi ed inaspettati, trasformando lo spazio dell’abitare in un luogo ludico e sobrio allo stesso tempo. La Basketball Court House ha una caratteristica peculiare nel suo genere: superato il basamento marmoreo e gli scalini all’esterno, il grande ingresso accoglie un campo da basket al coperto, riproponendo nella disposizione degli ambienti domestici lo schema tipico della palestra.
© Toshiyuki Yano
L’ingresso rappresenta dunque il nucleo centrale della casa, con camere disposte sui lati opposti della corte. Seppure le dimensioni del campo siano ridotte a un quarto rispetto agli standard, in sezione le altezze sono quelle utili a svolgere il gioco, con il canestro sospeso lungo la balaustra in legno scuro all’altezza convenzionale di tre metri e il soffitto a sei. I materiali utilizzati sono essenziali, i colori sono quelli naturali del legno assieme al bianco, le decorazioni sono assenti e le linee ortogonali, uno spazio inedito, essenziale e silenziosamente animoso.
© Toshiyuki Yano
Al piano terra, sala da pranzo e cucina sono adiacenti al campo, separate da una parete scorrevole in rete metallica che all’occorenza ripara dal gioco o integra lo spazio. Sul lato opposto bianchi pannelli a scomparsa nascondono servizi e zone di stivaggio. Al piano superiore lo schema si ripropone invariato: lungo i lati della corte sono disposte le camere da notte, mentre il vuoto centrale diventa balaustra per gli spettatori e luogo di lettura con la libreria open-space. Una residenza funzionale che concilia con discrezione vivacità e relax in spazi ordinati e accoglienti.

Blink racconta di progetti di architettura senza alcun riferimento, dove non esplicitamente dichiarato, all'utilizzo di nostri prodotti e/o alla commercializzazione degli stessi.